Get Adobe Flash player

2016

Vietato vietare il gioco

Il Gioco è un Diritto: affermiamolo concretamente restituendo le vie e le piazze ai bambini.
Arciragazzi lancia l'iniziativa Vietato Vietare il Gioco.

I bambini e i ragazzi, giocando, sperimentano se stessi, le loro potenzialità, imparano a vivere insieme, a gestire i conflitti e trovare soluzioni; il “divertimento”, che trova la sua radice nel “divergere”, nel fare in modo diverso, li accompagna nel percorso di ricerca delle soluzioni, di invenzione e re-invenzione di se stessi, nel pensarsi in modo diverso e quindi nel migliorarsi. “Giocare è il lavoro dei bambini”, questo ci insegna la pedagogia. Più recentemente, gli studi scientifici sullo sviluppo di tutti i bambini confermano che le attività come il gioco stimolano la nascita e lo sviluppo delle competenze, delle abilità, la capacità di realizzare i propri desideri in contesti regolati, mai casuali. Il gioco è libertà, non tanto perché “non ha regole”, ma perché ogni gioco ha le sue regole e ci si può mettere d’accordo sul “cambiare gioco”. L’atto stesso del giocare è un atto di libertà e lo dimostra il fatto che ogni dittatura proibisce il gioco libero. Inoltre, come tutti sappiamo, il gioco è essenziale anche per una sana vita adulta, perché è evasione non caotica ma anche possibilità di “reinventarsi” (e anche gli adulti lo fanno, ne hanno bisogno). Dal 1991, anno in cui l’Italia ha ratificato la Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, il gioco è anche un diritto di tutti i minorenni; è una legge del nostro Stato che lo dice.
E invece noi costringiamo i nostri bimbi a giocare a casa, spesso soli, oppure riempiamo le loro agende di mille appuntamenti in cui “devono” arrivare a obiettivi prefissati, senza lasciare il tempo libero per inventarsi. Questo è sbagliato, è profondamente sbagliato.
Dobbiamo iniziare a cambiare direzioni. Un modo possibile è riportare il diritto al gioco nel dibattito pubblico e un’occasione è a portata di mano. I cartelli del Divieto al Gioco nelle nostre Vie, Piazze, nei nostri condomini. Frutto di Regolamenti vecchi, di una idea strabica e miope sulla “quiete urbana”, questi cartelli sanciscono la segregazione dei bambini, il nostro (degli adulti) intento di non considerarli cittadini che hanno posto come noi, con le loro istanze, nelle nostre città.
Cominciamo quindi a cambiare questi Regolamenti, cominciamo a segnalare queste vecchie e brutte idee, rico minciamo a considerare i bambini e i ragazzi (ma, in fondo, anche noi adulti) parte della nostra comunità.

Attiviamoci per segnalare la necessità e la possibilità di cambiare i Regolamenti comunali che vietano il gioco, come hanno (ben) fatto le città di Torino, Milano, Roma, Genova (e tante altre, ma ancora troppo poche).
E intanto, inviate le vostre foto dei cartelli sul divieto al gioco, da quelli più semplici a quelli più fantasiosamente crudeli e curiosi, a Repubblica, che da oggi 23 Novembre 2016 ha lanciato la possibilità di raccoglierle (via email all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ).
Scarica qui il comunicato completo.

Dal 27 al 29 maggio al Festival della Danza Popolare

Ricordiamo a tutti che dal 27 al 29 maggio Arciragazzi sarà presente al Parco Castelli all’interno del Festival della Danza Popolare del Salterio per gestire lo stand gastronomico.

È un evento importante per la nostra associazione, non solo come raccolta fondi, ma anche per la possibilità di renderci visibili e pubblicizzare le attività che svolgiamo; è anche una delle poche occasioni in cui  tutti i volontari, ragazzi, genitori e simpatizzanti di Arciragazzi hanno la possibilità di operare insieme, sfracellandosi di lavoro ma con grande carica e divertimento.

Per questo chiedo a tutti voi di partecipare, in ogni modo possibile: lavorando all’interno della festa, aiutando a montare e smontare, facendo pubblicità all’iniziativa e, soprattutto venendo a mangiare, che si mangia da favola.

Se siete disponibili a dare una mano chiamate Manuela al 334/8464099 per dirle quando potete.

Vi aspettiamo!

 

LEGGI IL PROGRAMMA DEL FESTIVAL

35 anni di Arciragazzi

il 4 e 5 aprile del 1981 Carlo Pagliarini riuniva in un'assemblea Nazionale Costitutiva a Napoli 250 delegati (tra socioeducatori, intellettuali, professionisti, dirigenti dell'ARCI, amici), 35 comitati provinciali e 8 comitati regionali per concretizzare un'idea: creare un'associazione in grado di essere punto di riferimento di un movimento di ragazzi e ragazze, autonomo e laico. Un movimento con e per i ragazzi e le ragazze del paese, che li riconoscesse come soggetti di diritto e non cittadini perennemente sotto tutela.

Fu individuata Napoli, all'indomani del devastante terremoto, come gesto solidaristico e di rinascita; fu scelta la solarità dei versi di "Dopo la Pioggia" di Gianni Rodari come manifesto etico; fu adottato l'allegro sole bambino come simbolo della costituente associazione.
Così Arciragazzi nacque: per un'idea, per una convinzione, nel segno della poesia e dell'arte, con una mission politica e rivoluzionaria.

Così Arciragazzi, ancora oggi, cerca di essere promuovendo il diritto di associazione per i minorenni non ancora pienamente garantito, sostenendo la piena attuazione della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e Adolescenza, agendo concretamente nelle città giocando con bambini e adulti, confrontandosi con scuole, università ed Enti Pubblici.

Da 35 anni per i Diritti, il Gioco e la Partecipazione...

Former New England and Houston defensive tackle Vince Wilfork announced his retirement from the NFL in a barbecue commercial on Monday, a fitting farewell for a big guy who loved to eat.Vince Wilfork Jersey

Wilfork tweeted a video showing him un-taping his ankles, hanging up his cleats and grabbing grilling tongs. The video then shows the 35-year-old defender dancing,J.J. Watt Jersey cooking ribs and smoking a cigar while wearing his trademark overalls.

“No more cleats,” he says.DeAndre Hopkins Jersey “I’m moving on to smoke meats, fellas. Peace out. I’m outta here. Later.”

The video ends by noting that “Vince’s Farewell Tailgate” will take place Sept.Brian Cushing Jersey 7 in New England. The defending Super Bowl champions open the season that Thursday night against Kansas City.

Wilfork played 13 NFL seasons, including the last two in Houston. He said earlier this summer he was contemplating retirement after the Texans declined to offer him a new contract.

Wilfork was drafted by New England in 2004 and anchored the Pats’ defense line for 11 seasons. He was named to five Pro Bowls and helped the Patriots win two Super Bowls.